domenica 23 settembre 2012

SINGLE DI RITORNO

Single di ritorno è la bellissima definizione per chi come me, dopo anni (e anni) di matrimonio, da coppia ritorna individuo.
 Capita a volte di scoprire che il progetto di vita che avevi sognato e nel quale avevi riposto le tue energie non coincida più con quello della persona che avevi scelto.


O magari scopri che non è che non coincida, forse l'obiettivo non è stato mai lo stesso, perchè accanto hai avuto un Fregoli, un Parolisi, un bugiardo patologico, un bambinio mai cresciuto o semplicemente un bip.
 Una separazione, soprattutto quando ci sono dei figli di mezzo, è sempre una atroce sofferenza. 
Ma può, anzi deve essere, momento di crescita e di rinascita. Per me così è stato.



Anche grazie alle mie passioni, alle mie amiche, al web, a me stessa.
 
 La vera nuziale è un anello che mi è sempre piaciuto molto per la sua essenzialità e mi è dispiaciuto doverla toglierla, perchè non era più il simbolo che rappresentava.
 E' stata anni in un angolino, ma poi mi sono detta che la fine del matrimonio non è stata colpa mia, la  mia onestà e serietà non sono mai state messe in discussione e poi dal matrimonio sono nati tre figli. La fede è ancora mia al 50%. 


E allora via il 50% mancante! Visto che rimango solo io, rimane con me solo la mia parte.


 Grazie ad un amico orafo che mi ha assecondato, la fede è stata alleggerita dalla zavorra, cancellata l'iscrizione interna e diventata il mio balocco-brillocco!


La decoro quando mi va, come mi va, abbinando magari nastrini o perline alla mise della giornata.


O la trasformo in un improponibile solitario con una perla di legno e cordino fluorescente.


Questa è la mia preferita al momento: microsolitario fucsia.
La vita mi ha insegnato che la forza può essere trovata solo dentro di noi, magari appoggiandosi a stampelle più o meno temporanee, ma nessuno può volersi bene come noi stessi. 


 E allora un augurio a voi tutti: che qualunque sia la strada che la vita ha scelto per voi, la sappiate e la possiate affrontare con forza ed ironia. Perchè non c'è nessuno sulla faccia della terra che abbia il diritto di farci soffrire, perchè è nostro diritto essere felici, perchè a volta non si può non adeguarsi agli eventi, come canne al vento che si flettono, sono sbattute a destra e a manca, ma poi quando passa la bufera, ci si raddrizza verso il cielo splendente.

32 commenti:

  1. Paola, questa idea di tenersi la propria metà della fede, la trovo giustissima! Se una ci ha creduto, perché togliersela? E i mille modi che hai trovato per renderla ogni giorno più tua li trovo fantastici. Sì, ognuno ha diritto alla felicità e la strada per arrivarci deve trovarla da sé e tu sembri a buon punto! :-)

    RispondiElimina
  2. Ti voglio bene. Così per come sei. Per quello che mi hai dato in questi pochi anni che ci conosciamo, perchè è anche grazie a te che oggi sto recuperando una parte di me che avevo mezza lasciata andare in sabbie mobili.

    RispondiElimina
  3. Che aggiungere? Non hai sbagliato una parola, non hai scritto ovvietà, ma solo verità.
    Bravissima: per la forza, l'integrità, il sorriso nonostante tutto.
    "Nessuno può volersi bene come noi stessi...nessuno ha il diritto di farci soffrire".
    Sciò, sciò a queste persone, che pussassero via.
    Si vaporizzassero, che son solo deleterie!
    Ripartiamo da noi sempre. Con forza e con ironia, come hai fatto tu :-) Happy domenica!

    RispondiElimina
  4. la bufera è finalmente passata...ed è proprio vero ognuno ha il diritto e dovere di essere felice..goditela! un bacio

    RispondiElimina
  5. Ed io non so più cosa scrivere che l'Elenita Flowerita ha già scritto tutto e meglio quello che io pensavo.
    Splendido post, verissimo, verità ineccepibili. NOI siamo sempre il solo nucleo della nostra vita, e dal NOSTRO equilibrio dipendono poi anche tutte le persone che amiamo perfino più di noi stesse, come i figli.
    Vogliamoci bene, sempre, anche per il bene di chi dipende da noi.
    E l'idea della fede alleggerita è geniale.
    Ti stimo, sorella!

    RispondiElimina
  6. Che belle parole e soprattutto che bello spirito che hai! Quello che hai detto è giustissimo ed è bello che tu condivida con noi la tua storia di forza, di coraggio e di amor proprio dandocene così un esempio concreto.
    Cin cin al tup cielo splendente!

    RispondiElimina
  7. Ciao, condivido tutto quello che hai detto (e come sarebbe possibile il contrario?! ) Un abbraccione!!
    Carmen
    p.s. la fede "alleggerita" e decorata è magnifica!

    RispondiElimina
  8. Non ho parole: la tua forza mi sorprende, il tuo equilibrio mi commuove, il tuo rinnovamento ti fa ancora più grande!

    RispondiElimina
  9. che forza! sei una grande. una persona forte e coraggiosa. un abbraccione

    RispondiElimina
  10. Mia cara, le parole che hai scritto in questo post non solo sono meravigliose ma portano fuori la vera e bella persona che sei.
    Sei forte, sincera, onesta e sei riuscita a rialzarti alla grande ed il mio augurio è che tu possa andare avanti sempre meglio, che questa forza non la perda MAI e soprattutto che la creatività rimanga sempre conte: la fede è bellissima (la mia versione preferita è la fucsia).
    Un abbraccione a te ed un cin cin :)
    :***

    RispondiElimina
  11. Questo post mi ha molto emozionata...davvero belle parole e soprattutto bellissima l'idea che hai della TUA fede...Toccante davvero, sei una persona fantastica!

    RispondiElimina
  12. Chiedo scusa in anticipo perchè mi permetto una precisazione:
    l'anello portato al dito ha ben più significati e è giusto essere precisi.
    Si definisce FEDE quando lo si porta avendo celebrato il Matrimonio Sacramento...e si definisce VERA se il matrimonio è Civile Unione....Perchè tutto questo mio parlare? solo per riflettere così: la trasformazione creativa ci può stare solo a mio parere su una VERA su un anello che vuole essere FEDE NUNZIALE non ci sta l'alleggerirlo in caso di separazione poi credo e parlo per me sarebbe auspicabile RAFFORZARLO quasi a portare con maggiore impegno anche l' anello di chi ci ha lasciato.Io la sto VIVENDO così nonostante la fatica e il dolore.Poi guardando in Alto riconoscendo anche il proprio limite e errore si và avanti nella Vita.
    Paola

    RispondiElimina
  13. Cara Paola, ti rispondo qui perchè non ho il tuo indirizzo.
    La mia è "fede" e "vera" nello stesso tempo, perchè mi sono sposata in chiesa e perchè sono stata e sono moglie anche davanti alla legge. L'aver alleggerito la mia fede o la mia vera (per me non c'è alcuna differenza) della parte di chi per sua scelta ha deciso di non essere marito, è proprio per rafforzare il mio credo nella famiglia. Ma è la MIA famiglia, con i MIEI valori, la MIA onestà, il MIO sacrificio. E te lo dico senza presunzione, con la consapevolezza di poter guardare sempre negli occhi i miei figli con lo sguardo limpido di chi ha fatto sempre il proprio dovere. E te lo dice una che dal suo padre spirituale al cui confidava il suo dolore, si è sentita consigliare di separsi. Perchè a volte, nonostante tutte le buone intenzioni, non c'è possibilità di scelta e la strada da imboccare è una e solo una.

    RispondiElimina
  14. Beh io la mia l'ho sempre tenuta in un fondo di scatola, lui l'ha fusa tantissimi anni fa e ne ha fatto altro! Tu hai fatto benissimo, non solo l'idea è magnifica ma anche ciò che rappresenta. Grazie

    RispondiElimina
  15. Cara Paola sei fantastica!!!
    Mi piace moltissimo il tuo modo di affrontare la vita e le amarezze che a volte ci riserva... la trasformazione della tua fede la trovo geniale e creativa come sei tu e questo post mi ha letteralmente incantata... ogni cosa che hai scritto è profonda verità!
    Un abbraccio grande

    RispondiElimina
  16. A parte la genialita' dell'idea, sei riuscita a trasformare un simbolo ben definito, in un altro che in questo momento penso ti rispecchi totalmente,e cioe' l'essere creativi/diversi/mai banali ogni giorno in questa vita che veramente non sappiamo mai che ci riserva, nel bene e nel male.
    Un abbraccio virtuale, gio

    RispondiElimina
  17. Sono completamente d'accordo con quanto hai scritto.
    Sulla fede o anello nuziale ognuno la vede come meglio crede, io e mio marito siamo felicissimamente sposati da 29 anni nessuno di noi la porta al dito.
    Hai trasformato un simbolo in qualcosa di unicamente tuo, devi credere in quello che sei e sopratutto volerti bene per come sei.
    Ciao cara, resta sempre così.

    RispondiElimina
  18. Dalle tue parole si capisce che sei una donna molto forte e intelligente.Continua a esserlo e vedrai che adesso troverai più serenità.Io mi sono appena sposata,spero che vada sempre bene perchè non sò se avrei la tua forza nell'affrontare certe situazioni!

    RispondiElimina
  19. mia cara... hai una forza ed un carattere "potenti", ed io che ti conosco lo percepisco ogni volta che nel parlare tentenno e tu mi spingi con coraggio ad affrontare le mie paturnie!!! grazie per questo "rafforzo positivo" e per essere come sei... semplicemente tu!!!

    RispondiElimina
  20. Grande donna Paola. Ci vuole forza a rimettersi in piedi dopo scossoni del genere. Tu hai addirittura rimodellato il simbolo di quel progetto naufragato.
    Grande.
    Un abbracio

    RispondiElimina
  21. Che meravigliosa idea!

    RispondiElimina
  22. Cosa posso dire... un "ti capisco" sarebbe finto perchè in realtà io sono stata fortunata, ho vicino un uomo che mi ama e che io amo moltissimo... però ammiro questa tua forza. E ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
  23. La forza che hai dimostrato si rispecchia benissimo in questo nuovo anello: forte nel metallo ma libero nella mente creativa.
    Baci

    RispondiElimina
  24. ti invidio. sì,ti invidio tantissimo perchè sei riuscita a fare quello che da anni io rimando.
    quello che midico sempre che un giorno farò ma nn oso fare il passo.
    per quanto riguarda la vera, invece sono anni che io nn la porto più.
    è diventata troppo pesante.
    :)

    RispondiElimina
  25. Le tue parole sono perfette, giustissime, corrette , hai detto delle sacrosante verità. Ti apprezzo per la forza che dimostri, per le certezze che hai, che ti supportano e che aiuteranno i tuoi figli a “superare” questa fase. Sappi che almeno un terzo dei ragazzi nelle classi ha i genitori separati quindi non è più una rarità, non è più un essere additati come “diversi” (sono figlia di separati ed “allora” era un marchio).
    Meglio separati che vivere non “liberi”, ed i simboli come l'anello al dito sono simboli e come tali è giusto tenerli e modificarli. La tua idea è grande, un anello, ma tanti diversi a seconda del proprio vestito e del proprio umore del momento.
    baci-baci e fusacchiotte specialissime
    Paty

    RispondiElimina
  26. Sei una donna molto forte, e hai saputo fare di questa esperienza una rinascita. Hai tirato fuori energie incredibili e ora sei pronta ad andare verso il futuro.

    Ti abbraccio
    Cristina

    RispondiElimina
  27. Oggi più che perline e bottoni vedo perline di saggezza qui sul tuo blog (non che altre volte non ce ne siano!).
    Ripartire da se stesse è il miglior consiglio da dare, da tenere sempre in mente quando pensiamo che la felicità ci ha voltato le spalle, quando la vita ci mette a dura prova... rimaniamo sempre noi e dobbiamo volerci bene, così come hai scritto tu, perchè solo dentro di noi risiede la forza.
    La trasformazione dell'anello è solo il simbolo del tuo rinnovamento, giorno per giorno.
    un caro abbraccio

    RispondiElimina
  28. Ci ho messo un po' prima di decidermi a leggere questo post perchè avevo paura....e poi affiorano ricordi....ma se ora sei felice allora hai fatto solo bene. Comunque ricorda che CHIUSA UNA PORTA SI APRE UN PORTONE!!!!
    Credici è proprio così!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  29. :-) sono contenta che tu sia cosi positiva dopo la rottura non è facile andare avanti.... però per te non è cosi! brava e molto originale la trasformazione che fai alla tua fede..... ciao passa a trovarmi sul mio blog mi farebbe tanto piacere........

    RispondiElimina
  30. Paola hai tutto il mio sostegno, e' nei momenti difficili che si trova la forza di rinascere e tu lo hai dimostrato alla grande! ti abbraccio
    Erika

    RispondiElimina
  31. Ciao, come te anch'io ho deciso di tenere la mia fede anzi due (anche fede dei 25 anni).
    Sono separata dopo 28 anni di matrimonio da gennaio anche se di fatto non abitiamo più nella stessa casa da luglio e l'istanza in tribunale l'ho firmata il 20 di settembre. Mio marito però già da Febbraio non portava più la fede. Come ti dicevo ho deciso di "tenerle" perchè è stato un periodo della mia vita che mi ha dato la gioia di sei figli (la mia forza)che non rinnego, quindi ti capisco e forza!!!!!! mamm6@hotmail.it

    RispondiElimina
  32. mi trovo perfettamente daccordo con la tua scelta, se tu non hai colpe hai fatto benissimo a tenerla e a decidere di decorarla in maniera simpatica :)
    la fede nuziale è prima di tutto un anello, poi dipende dalla persona che lo indossa che significato deve assumere..
    un in bocca al lupo per te..

    RispondiElimina