mercoledì 21 ottobre 2009

ROSSO RUBINO



Rimanendo sempre in tema delle mie collane preferite, questa è nei toni del rosso rubino o del melograno o color vinaccia o sangue di piccione o bevanda di Dracula o quello che vi pare.


Quando cucio questo tipo di collana nella mia stanzetta preferita scoppia il caos più totale. Perchè, nonostante io abbia tentato più volte di razionalizzare i miei componenti e le mie pietroline secondo una classificazione del tutto personale, aleatoria e spesso temporanea, magari in base al colore, o alla forma, o al materiale, quando decido di fare una delle mie collane che io chiamo "barocche" per la loro ridondanza anche eccessiva, allora il caos esplode.



Se avevo magari impiegato un pomeriggio intero a dividere le perline nei barattolini degli omogeneizzati che una neomamma mi ha gentilmente regalato (combattendo così la battaglia per il riciclo e riutilizzo),


se avevo impiegato tempo a catalogare, classificare, conservare per colore e nuance di colore le pietre riposte poi nelle scatoline semitrasparenti


se i bottoni erano tutti riposti nella scatola selle meraviglie, così come tutti i nastrini, fiocchetti e cordoncini,


quando decido di dar vita all'accrocco perlinoso, tutto deve essere aperto, le scatole con i loro tesori spalancate perchè magari una pietra è qui, un'altra è là, un bottone è sommerso dai suoi fratelli e allora il caos esplode. E' come camminare su un campo minato: non si sa dove mettere i piedi o dove poggiare una pinza. Poi capita sistematicamene che mi cada qualche barattolino, magari quello con le pietre più piccole, o magari che debba interrompere perchè devo andare a riprendere i figli a scuola. E allora i bip si librano alti nel cielo, insieme alle promesse che faccio a me stessa d essere più razionale, meno caotica, più calma, meno multitasking. Ma non ci riesco, sono fatta così. Anche se devo dire che le esperienze dgli ultimi anni mi hanno un pò cambiata. Sono diventata più allegra e ho cambiato il modo di vedere le cose. Adesso solo un problema alla volta, più ottimismo e meno catastrofismo. Tanto alla fine poche volte possiamo veramente condizionare gli enventi, tanto vale aspettare. E allora quasi quasi il colore della mia collana potrebbe essere "color sangue di nemico dopo una sana vendetta, hai visto che non hai il sangue blu nemmeno tu!"

22 commenti:

  1. Come ti capisco!!, io, anche se non realizzo le tue splendide collane barocche, ci sto ore ed ore a classificare perle e perline nei vari barattoli secondo i colori, le dimensioni etc etc... ma poi, appena mi dedico alla creazione di un qualsiasi bijoux: AMEEEN!!!, tuutte le perle sparse qua e là!, perdo tutto ma ho tutto sotto il naso!, le pinze tra le gambe (perchè sul tavolo non ci stanno, vedi che ti capisco^^) e qualche volta, qualcuno che passa per la mia camera, potrebe persino trovarmi con il sedere per aria (e con taaante parole poco leggere) a raccogliere il barattolo di perline cascato in terra a causa di una gomitata!!..credo succeda a tutti^^.

    Dopo sto papiro volevo dirti che la collana bevanda di Dracula (o di Edward;) è stupenda!, perfetta e curatamente curata!!!, tu sei così e non devi cambiare! le tue creazioni nascono grazie al tuo modo di essere, perciò quando ti ritrovi tutto un caos ridici su! significa che a breve vedrai una vera e propria meraviglia^^.

    Baci!.

    RispondiElimina
  2. Mi ricordi qualcuno, quando parli di caos creativo...
    purtroppo, non avendo ancora allestito una stanzetta tutta per me e per il mio disordine, mi arrangio sempre in cucina, ma il disastro è doppio, perchè dopo tocca ripulire e riordinare... e a volte, come in questo periodo della caxxarola, ci rinuncio: idee zero, voglia di creare idem.
    Le tue collane barocche sembrano rispecchiare il tuo buon umore: sono ridondanti di colore e sciccheria. Belle, belle.
    Un bacio
    Giuliana

    RispondiElimina
  3. La colana è fantastica, ma a me è piaciuto il nome del colore...Sei una poetessa! Oltre che creatrice di stile!!!
    Se fossi stata in te, avrei agiunto un pizzichino di infamazione fallica, ma io vengo dai bassi fondi di Rio.
    Ma puoi farcela anche tu :-)

    RispondiElimina
  4. Uh capirai! I vaffa che si sprecano nella mia stanza di lavoro! Poi si librano nell'aria e si sentono per tutta la casa :-)
    Anche io fino a poco tempo fa seguivo il tuo stesso metodo, tutto aperto, tutte le perline in vista...pesca di qua pesca di là. Poi però ho capito che non era il metodo che meglio si appropriava ai risultati che volevo ottenere.
    Ora tutto è chiuso e diviso in maniera piu' o meno sensata. Ho in mente cosa devo fare, cosa voglio ottenere, e pesco in funzione di questo. Ho capito, anche grazie ai preziosi consigli delle amichette blogghine, che voglio essere io a pescare e guidare il lavoro, non le perline a guidare me. Ora mi trovo molto meglio, riesco ad essere piu' ordinata e fare meno casino. Ma perline rotolanti e fili che s'attorcigliano sul piu' bello...uhhhhhh...quanti vaffa cara mia! :-)
    T'abbraccio. La collana è bellissima come tutte le tue figlie barocche!
    Mua!
    Sara.

    RispondiElimina
  5. Molto bella! E mi piace anche la combattività del colore "sangue di nemico", eheheh. Certo che dev'essere difficilissimo farne una, son sicura che io mi perderei dopo le prime quattro perle...;)

    Ciao,
    Mae

    RispondiElimina
  6. Bellissima come sempre questa collana! E poi è bello che vedendo questa collana non si possa non pensare che è una creazione tua!!!
    Ciao
    Antonella

    RispondiElimina
  7. Scusami Paola se rido delle tue disgrazie, ma la scena del barattolo che cade e dei bip mi ha veramente divertito. E´anche peró il mio piú grande terrore, io uso quelle valigette di plastica con una ventina di scomparti dove divido tutte le mie perline e penso sempre oh dio se mi cade questa sono fritta, spero quindi che non succeda mai :-)
    Concordo anche io che la tua figlia barocca in rosso é veramente molto molto bella,
    baci
    Marga

    RispondiElimina
  8. anche io ti capisco perfettamente! quando creo qualcosa, sicuramente creo caos in casa... preparare il tavolo, tirare fuori tutto, aprire tutte le scatoline.. e poi? il disastro del mettere via tutto, in ordine!!

    complimenti la collana mi fa impazzire, i colori sono fantastici!!

    ciao eli

    RispondiElimina
  9. A parte il simpatico post che poi mi ci riconosco anche io....questa collana è strepitosa,bellissima!!!!
    Amo molto il tuo stile!!!!
    Da vera professionista!!

    RispondiElimina
  10. Quando ogni due o tre mesi, sono costretta dalle esigenze familiari ha riordinare il mio caos creativo, non creo più.Solo quando rimetto di nuovo tutto in mezzo posso, la follia creativa ha bisogno di tutto e subito a portata di occhi ,di mani,e..di cuore
    baci rac

    RispondiElimina
  11. Dunque, della variegata gamma di colori che hai proposto avrei scelto di certo la tinta melograno, ma quando ho letto "color sangue di nemico" non ho avuto dubbi: è decisamente il più appropriato. Fantastica la descrizione che hai fatto del tuo momento creativo, sarà che un pò mi ci riconosco... Metto tutto in ordine, sistemo, ma poi quando mi parte la voglia matta tiro fuori tutto, perchè mi serve la visione d'insieme...
    Comunque, al di là di tutto, questa collana mi piace un sacco, bravissima. :)
    Valeria

    RispondiElimina
  12. Ho capito, sei ordinata come me.
    Io ormai quando mi cadono le pietre non le raccolgo nemmeno più (eheheheh).
    Un giorno sarebbe carino carino postare tutte le nostre postazioni di lavoro: io mi vergogno solo all'idea, ma leggendoti mi consolo!!!
    La collana è una favola, la definizione del colore è un poema sotto forma di pillole di saggezza.

    RispondiElimina
  13. Carina e molto ben assortita!
    Il colore è un tripudio di allegrezza e di buon umore. Il color rubino è in assoluto il colore della gioia!!!
    Mi piace tantissimo, i miei complimenti per questa creazione dallo stile inconfondibile P&B!!
    Ti abbraccio forte forte Rosi!

    RispondiElimina
  14. bene bene... ecco di chi sono tutte queste perle che rotolano giù dal ponte, fino a me...

    RispondiElimina
  15. Passo spessissimo dal tuo blog, ma mai avevo lasciato un post ( e immagino invece quanto "bene" facciano!).
    La tua collana "vendetta sana vendetta" ( io la chiamerei così) è una MERAVIGLIA!!!
    E mi permetto di chiedere se è in vendita, o se è possibile comunque prenotarla.
    Complimenti di cuore...continua così!!!
    Valentina

    RispondiElimina
  16. Direi che è di un meraviglioso color melograno!
    Direi che mi piace il tuo spirito, ti sento più sollevata e spero che non sia solo una mia impressione!
    Direi che la collana come sempre è favolosa e in perfetto stile Perline e bottoni ( Paolastyle!!! )...
    Baci bella ragazza!

    RispondiElimina
  17. ciao cara, grazie della visita. a quando una collana candidisima?

    RispondiElimina
  18. Ciao sono Lorella di Ancona, ho appena scoperto il tuo blog e debbo dire....Favolosoooo!!!! Bellissime le collane rosso rubino, è un colore che dà allegria e gioia ed è il mio preferito!!!! Sei veramente brava e creativa!!!! complimenti! ciao ciao tornerò a trovarti buona serata Lorella

    RispondiElimina
  19. Oh come ti capisco... comunque bellissima collana, SCORPIONACCIA, eheheheh...

    RispondiElimina
  20. Non so se ti consola, ma anche io ho bisogno di caos per creare, roba ovunque, tutto aperto, si sa mai che potrebbe starci bene anche quel pezzetto o perlina fatti anni fa, aquistati in un viaggio non so più dove o appartenuti a nonna....
    Il risultato di questa collana è davvero molto molto bello, alla faccia delle colate di sangue di esserini innocenti come i piccioni o meno!
    Buona crea-domenica, spero in tutta serentità, Bisly

    RispondiElimina
  21. 'geppetta'10 novembre 2009 22:44

    dal blog di matilda..voglio lasciar i complimenti per le tue creazioni e per il blog molto carino, e innanzitutto ringraziarti per i commenti lasciati per la scatola laboratorio da viaggio, un saluto geppetta..

    RispondiElimina
  22. Che meraviglie che combini con perline e bottoni..e che artigiana pazienza nel fare tutte queste creazioni, uniche nel suo genere.
    Brava, brava!

    RispondiElimina